mercoledì 1 luglio 2009

Alla ricerca del tempo perduto


"Donne: vi avviso che è aperto il periodo dei saldi,
ammirate in particolare la posizione plastica
nonchè virile, da me assunta per voi".

Sento di dover annunciare al pianeta la mia decisione storica.

Clicca sul titolo per leggere il resto.


"I grandi quesiti:
Come sto col pizzetto?"


D'ora in poi pubblicherò su questo blog solo la domenica, magari anche più di un post, ma solo una volta la settimana. Alla faccia dell'estate il tempo è inesorabilmente finito. Ricordo quello che ci disse il professore di religione ai geometri:

"Prima dei diciotto anni la vita scorre lenta. Dopo, gli anni volano senza nemmeno accorgersene."

E' vero. In questo periodo della mia vita, il tempo ha raggiunto una velocità tale, che non posso fare a meno di pensare a quello perduto. Se invece di trascorrere quei cinque anni in giro per l'Europa a fare il servo in ristoranti e bar mi fossi subito iscritto all'università sarebbe stato decisamente meglio, ora mi sarei laureato e starei cominciando a fare le valigie per non tornare più. Il che sarebbe il massimo. Partire e non tornare, magari cambiare nazionalità -qualsiasi pur di non essere più chiamato mafioso da un cazzone qualsiasi all'estero- sposando una straniera che mi sopporta e che accetta il divorzio senza trasformarsi nella versione hard di una agenzia del fisco per il pignoramento coatto.

Il tempo è tiranno e io non lo voglio più sprecare. Preferisco investirlo, e dedicare un giorno la settimana a questo blog come al sito dell'MBM è un buon investimento per me, ma non di più. Non ho abbastanza soldi. Quei pochi che mi rimangono vanno investiti assieme al tempo restante per dare più esami possibili nel minor tempo utile.
Credo di sapere già come finirà ... un pò come nel finale di Blade Runner, alla fine dovrò accettare di spegnermi, dimenticare le letture e gli studi fatti per non disturbare con la mia intelligenza i clienti dell'ennesimo bar o ristorante in cui finirò. Io non odio le ristorazioni ... odio gli italiani che all'estero non danno altre opportunità all'infuori di questa. Odio il fatto che io debba essere condannato a fare un lavoro che non mi piace. Odio il fatto che debba appartenere all'unica categoria lavorativa -o una delle poche- che il 1°maggio non può festeggiare, che passa oltre 12 ore -12 ore!- al giorno chiusa in quattro mura a fare un numero tale di cose che un impiegato delle poste non riuscirebbe a fare nemmeno in un anno e con le stesse ore di lavoro.

Se c'è qualcuno di voi che ha da poco finito le superiori, ascolti a me ... fatevi l'università, prendetevi la laurea, studiate l'inglese e sparite ... sparite! Rifugiatevi all'estero, il pericolo imminente non è la democrazia quanto la vostra dignità.


Ci sentiamo domenica con le solite cazzate.


Pensi che il mio pusher sia ben fornito? Clicca su OK!

MBM articoli della settimana: www.movimentoparaculo.org.

0 Comments:

Post a Comment



pag

Licenza

Creative Commons License
Movimento Paraculo by Giovanni Pili is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at movimentoparaculo.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://movimentoparaculo.blogspot.com/
 

blogger templates | Make Money Online